[ditty_news_ticker id="6692"]

L’aiuto della tecnologia

L’Informatica è la tecnologia mediante la quale l’oceano di conoscenza e di ignoranza, di disperazione e di speranza, di amore e di odio, che è in me, che è me, e che il Caso avrebbe voluto costringere al silenzio, nello spazio angusto di una bottiglia, può, invece, rifluire, seppur lentamente, verso Voi.

Luca Coscioni parla con gli occhi (eyetracking)
Luca apre i lavori del IV Congresso dell’Associazione Luca Coscioni

Luca si è rivelato fin da subito una testimonianza vivente contro la demonizzazione della scienza fatta da chi, comodo nei salotti dotati di dvd, cellulari, connessioni satellitari, può permettersi di parlare della natura tradita e delle follie della ricerca. Lui che la tecnica ha dovuto interiorizzarla, lui che ne ha fatto una appendice psichica vitale, sa che cosa è veramente quella rivoluzione copernicana capace di restituire la vita e il rapporto con il mondo a un “prigioniero del proprio corpo”. La storia radicale di Luca, da elettore ad eletto, è così segnata fin dall’inizio dalla telematica: senza la politica on line, senza la possibilità di farsi conoscere e votare attraverso internet, sarebbe rimasto, come migliaia di altre vite, nella solitudine e nel silenzio. La tecnologia è stata molto importante per Luca. Infatti, attraverso l’ausilio di un computer portatile e una serie di programmi informatici, ha avuto la possibilità di comunicare, muovendo il mouse per scrivere e far tradurre in voce quello che scriveva.



Se ci tolgono la parola, ci tolgono la vita. La tecnologia attuale consente di parlare anche con il movimento degli occhi o della testa. Io vi parlo dettando i comandi con i movimenti quasi impercettibili della mia mano destra, Camillo Colapinto parla con gli occhi, Severino Mingroni, che ci ha comunicato di essersi iscritto all’associazione, parla con l’hedmaus, cioè attraverso i movimenti del capo. Obiettivo che dobbiamo proporci per il 2003 è quello di assicurare ai malati e ai disabili impossibilitati a comunicare, come i malati di sclerosi laterale amiotrofica e non solo, tutti gli strumenti di una possibile forma di “comunicazione” col mondo esterno messi a disposizione dalla moderna tecnologia.

Condividi la storia di LucaShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Pin on Pinterest0Email this to someone
http://www.lucacoscioni.it/lucacoscioni/contenuti/estensioni/wp-accessibility/toolbar/css/a11y-contrast.css