[ditty_news_ticker id="6692"]

Il mio intervento alla conferenza con i radicali sulla clonazione terapeutica all’europarlamento

  • Data: 14 febbraio 2001
  • Luogo: Strasburgo - Parlamento Europeo
  • Fonte: Radio Radicale

14 febbraio 2001 – Strasburgo: Luca interviene all’interno di una conferenza stampa con Emma Bonino e Marco Cappato, al Parlamento Europeo, per la clonazione terapeutica

Intervento di Luca Coscioni, alla conferenza stampa con Emma Bonino e Marco Cappato, dopo la sua audizione presso la Commissione Temporanea sulla Genetica Umana del Parlamento Europeo. Il tema riguarda la clonazione terapeutica.

INTERVENTO DI LUCA:

Buongiorno a tutti.
Mi chiamo Luca Coscioni, ho 33 anni e sono laureato in economia e commercio e dottore di ricerca in economia ambientale. Questa non è la mia voce.

Cinque anni fa sono stato colpito dalla sclerosi laterale amiotrofica, una malattia che m’impedisce di parlare e di camminare. Per comunicare, utilizzo un computer portatile e un sintetizzatore vocale. Ho tre grandi passioni: la politica, come è concepita e sviluppata dai radicali; la ricerca scientifica, come è condotta nel mondo anglosassone; la corsa di Maratona, come la correvo io, prima di stare male. Ieri, davanti alla commissione di genetica umana del parlamento europeo, si è svolta la mia audizione. Ho rivolto al presidente e ai membri della commissione un appello, teso a far rivedere la decisione con la quale, lo scorso 7 settembre, il parlamento europeo si era opposto alla clonazione terapeutica. Sono capolista, davanti a Marco Pannella, della Lista Emma Bonino, in Emilia Romagna, Lazio 1 ed Umbria. Probabilmente, vi domanderete cosa potrebbe fare, in parlamento, un deputato radicale, in sedia a rotelle e senza voce. Credo che, al fianco di Emma Bonino e Marco Pannella, potrei, ad esempio, combattere perché, anche in Italia, venga approvata, in tempi brevi, una legge sulla clonazione terapeutica, che potrebbe salvare la vita a centinaia di migliaia di italiani, colpiti da varie patologie, che, come me, lottano quotidianamente per la propria sopravvivenza.

Secondo il Rapporto Dulbecco sulle cellule staminali, il documento che contiene le raccomandazioni dei 25 Saggi, incaricati dal Ministro della Sanità, il professor Umberto Veronesi, di fare chiarezza in materia di clonazione terapeutica, sono 10 milioni gli italiani, colpiti da patologie, quali l’Alzheimer, il Parkinson, la sclerosi laterale amiotrofica, l’atrofia muscolare spinale, le lesioni traumatiche del midollo spinale, il diabete, alcune forme di cancro, che potrebbero guarire, se curati con terapie basate su tali cellule. La portata delle nuove terapie cellulari fondate sulle cellule staminali può essere considerata epocale. Se si desidera trovare un precedente nella storia dell’uomo, che ci consenta di comprendere meglio quale potrebbe essere l’impatto della clonazione terapeutica, occorre riferirsi a ciò che ha rappresentato per l’umanità l’introduzione degli antibiotici.

Ora, a nessuno, di certo, verrebbe mai in mente l’idea, folle, di togliere dal mercato gli antibiotici; eppure, la ricerca scientifica sulle cellule embrionali è oggi, in Italia, vietata, proibita, per volontà unanime di Amato, Berlusconi, Rutelli e di tutti i partiti del centrosinistra e del centrodestra, obbedienti alle burocrazie vaticane. La ricerca sulle cellule staminali può essere condotta, con maggiori possibilità di successo ed in tempi più brevi, impiegando i cosiddetti embrioni soprannumerari, il prodotto di scarto dei programmi di fecondazione assistita. Il Vaticano è liberissimo di pensare che sia più giusto buttare nel cesso tali embrioni, piuttosto che destinarli ad una ricerca che potrebbe salvare, nei prossimi 5, 10 anni, la vita a milioni di persone, ma è compito del governo e del parlamento evitare tale ricatto morale. Così non è stato. Anche per questo, una presenza radicale, nel prossimo parlamento, appare indispensabile. Sono qui, oggi, con il mio sintetizzatore vocale e il mio computer portatile, per rompere la congiura del silenzio che la Casa delle Libertà e l’Ulivo, Rutelli e Berlusconi, hanno ordito ai danni dei 10 milioni di italiani, affetti da malattie cronico-degenerative, che potrebbero essere curate con la clonazione terapeutica, come la malattia che m’impedisce di parlare e camminare. Sì, perché Berlusconi e Rutelli, centrosinistra e centrodestra, fingono di litigare, ma sono in realtà d’accordo su tutto. Sono anche d’accordo nel non pronunciarsi, pur di racimolare una manciata di voti cattolici necessari al loro personalissimo successo elettorale, su di una questione vitale, come la clonazione terapeutica. 10 milioni di italiani sono in attesa di una legge sulla clonazione terapeutica. Stati Uniti e Gran Bretagna ne hanno già una da sette mesi e hanno avviato la sperimentazione sull’uomo da almeno due anni; Francia, Germania, Svezia, e la cattolicissima Spagna, si stanno muovendo a grandi passi in tale direzione; in Italia, l’Ulivo non è stato capace di approvare una legge che rendesse disponibili queste nuove terapie; e la Casa delle Libertà ha più volte ribadito di essere comunque contraria alla clonazione terapeutica. Sto lottando per entrare in parlamento, al fianco di Emma Bonino e Marco Pannella, per dotare il nostro paese di una legge, fra le altre, sulla clonazione terapeutica.

Sul sito di Radio Radicale è possibile vedere il video integrale della conferenza

Eventuali errori presenti nel documento sono dovuti ad un adattamento del testo per il sintetizzatore vocale utilizzato da Luca

Condividi la storia di LucaShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Pin on Pinterest0Email this to someone
http://www.lucacoscioni.it/lucacoscioni/contenuti/estensioni/wp-accessibility/toolbar/css/a11y-contrast.css