[ditty_news_ticker id="6692"]

Il mio intervento durante il “Pannella-Bordin” a Radio Radicale

Ciao Marco, ciao Massimo, buona sera agli ascoltatori di Radio Radicale.
Intervengo molto brevemente dall’ospedale San Giovanni Bosco di Torino perché domani mattina, alle 8, sarò operato nel reparto di neurochirurgia. Le cellule staminali mesenchimali, prelevate un mese fa dal mio stesso midollo osseo e messe in coltura per accrescerne il numero, verranno reimpiantate nel mio midollo spinale, con la speranza scientifica che sostituiscano, dopo essersi trasformate, i motoneuroni distrutti dalla sclerosi laterale amiotrofica. Domani, la battaglia radicale per la libertà di ricerca scientifica, per la clonazione terapeutica e la utilizzazione degli embrioni soprannumerari, si sposta momentaneamente in sala operatoria. Nel nostro Paese l’informazione su questo protocollo sperimentale, il primo al mondo per cercare di sconfiggere la sclerosi laterale amiotrofica, malattia che colpisce circa 50.000 cittadini della Unione Europea, è del tutto assente e distorta, nonostante vengano usate cellule staminali adulte che non fanno irrigidire il Ministro della Salute, Girolamo Sirchia, e i burocrati vaticani.

Questo protocollo è stato reso possibile:
1) dal professor Madon e la dottoressa Fagioli, che preparano le cellule staminali mesenchimali;
2) dalla dottoressa Letizia Mazzini, neurologa, che ha pensato di utilizzarle nelle persone con sclerosi laterale amiotrofica;
3) dal dottor Oliveri e dal dottor Boccaletti, i neurochirurghi che realizzano il reimpianto.

Sarà compito dei radicali, di te, Marco, di te, Massimo, di quanti hanno a cuore il diritto alla vita, la vita del diritto e la libertà di Scienza e di Coscienza, cercare di diradare, in questi giorni, la cortina fumogena che si sta levando persino sulle cellule staminali adulte. Ora vi saluto e vi auguro una buona e serena notte con Radio Radicale.

19 maggio 2002 – Luca Coscioni

Sul sito di Radio Radicale è possibile vedere il video integrale della trasmissione

Condividi la storia di LucaShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Pin on Pinterest0Email this to someone
http://www.lucacoscioni.it/lucacoscioni/contenuti/estensioni/wp-accessibility/toolbar/css/a11y-contrast.css