Il mio intervento a “Il Raggio Verde” su Rai 2

Cassetta audio animata
  • Data: 12 aprile 2001
  • Luogo: Roma - RAI
  • Fonte: Radio Radicale

12 aprile 2001 – Roma: Luca Coscioni è intervistato da Michele Santoro, a “Il raggio verde” su RAI 2

Luca Coscioni interviene all’interno della trasmissione di Michele Santoro, “Il Raggio Verde”, su RAI 3, in merito ai seguenti temi: libertà di ricerca scientifica, ricerca sulle cellule staminali, legge 40, eutanasia, laicità dello stato.

1° INTERVENTO DI LUCA:

Buona sera a tutte, e a tutti.
Colgo l’occasione di questa trasmissione per presentarmi. Sono Luca Coscioni, capolista, davanti a Marco Pannella, nelle liste proporzionali nel Lazio, in Emilia Romagna, in Umbria, della lista Emma Bonino. La voce che state ascoltando non è la mia. È quella che un sintetizzatore vocale mi mette a disposizione. La maggior parte di voi, la quasi totalità, non mi conosce, non mi deve conoscere. Il suono metallico della mia voce sintetizzata infastidisce. Ma ciò che più infastidisce, è il contenuto della battaglia radicale che sto combattendo. È la battaglia radicale, volta a dotare il nostro Paese di una legge sulla clonazione terapeutica. La mia candidatura, caso unico al mondo, è sostenuta da 42 premi Nobel, e 363 scienziati di fama internazionale. Nonostante ciò, o forse proprio per questo, lo spazio che mi è stato concesso, dalle televisioni e dai giornali, è pressoché inesistente. Ringrazio quindi, Michele Santoro per avermi invitato, e, soprattutto, per avere aperto la discussione ed il confronto politico, anche sulla clonazione terapeutica.

Vi starete domandando cosa, di tanto pericoloso, al punto d’essere messo sotto il più assoluto silenzio, ha da dire un candidato radicale, muto, ed in sedia a rotelle. La battaglia radicale, alla quale sto dando spirito e corpo, può essere così descritta. La malattia che mi ha colpito, la sclerosi laterale amiotrofica, ed altre malattie, come il diabete, il morbo di Parkinson, l’Alzheimer, alcune forme di cancro, potrebbero essere forse curate mediante le cellule staminali. Perché ciò sia possibile, e lo sia in un tempo ragionevole, è necessario utilizzare, studiandoli, i cosiddetti embrioni soprannumerari. La ricerca sugli embrioni soprannumerari è indispensabile. È bene sottolinearlo, prima che qualcuno, tenti di far alzare le nebbie della demonizzazione e della disinformazione. Tali embrioni sono inevitabilmente destinati alla distruzione. Si tratta, infatti, di embrioni in sovrannumero, lo scarto dei programmi di fecondazione assistita. Se ne stanno all’interno di congelatori, in attesa di una distruzione certa. È per questo che, noi radicali della lista Emma Bonino, proponiamo la loro utilizzazione. Piuttosto che buttarli nella spazzatura, pensiamo sia preferibile destinarli ad una ricerca che potrebbe salvare la vita a milioni di persone.

È una questione di buon senso. Alcuni esponenti politici, ad esempio, Berlusconi e Rutelli, sono contrari all’impiego degli embrioni soprannumerari. Sono contrari, e, pur sapendo che tali embrioni finiranno nella spazzatura, chiudono gli occhi, si tappano le orecchie, lavandosene le mani. La ragione è semplice: Sono a caccia di voti cattolici. Sì, proprio dei voti di quei cattolici che, più cristianamente, e meno “democristianamente”, di Rutelli e Berlusconi, preferirebbero destinare tali embrioni alla ricerca, piuttosto che alla spazzatura.

2° INTERVENTO DI LUCA:

Alcune persone, si contano sulla punta delle dita, sostengono che io sia stato strumentalizzato. A questi, rispondo che proprio io, muto, ho, in realtà, restituito la parola a 42 premi Nobel, e a centinaia di scienziati di tutto il mondo, anche loro resi muti, in Italia, dal silenzio della politica ufficiale e del sistema informativo, su temi fondamentali per la vita, la salute, la qualità della vita, e la morte, dei cittadini italiani. Pensavo poi, che la mia presenza, quale capolista, potesse servire solo ad incarnare, a dare corpo, alla battaglia radicale per la libertà di Scienza e di coscienza. In realtà, sto lottando anche per l’affermazione di libertà fondamentali: La libertà di pensiero, la libertà personale, la libertà religiosa, fino al diritto all’esercizio dell’elettorato, sia attivo che passivo. Si tratta di diritti inviolabili dell’uomo che, nel nostro paese, non sono tutelati, non sono garantiti. È per questo che, le classi dirigenti italiane, hanno subito visto la mia presenza sulla scena politica come un elemento di disturbo, qualcosa di pericolosamente dirompente, da cancellare. La forza delle idee deve essere arginata, prima che le acque della Ragione travolgano le palafitte della Superstizione e dell’Ignoranza.

La circostanza che una persona gravemente malata, che non può camminare, che per comunicare è costretta ad utilizzare un sintetizzatore vocale, viva pienamente la propria esistenza, questa circostanza, dicevo, rischia infatti di scuotere le coscienze, le agita, le mette in discussione. Il fatto poi che io abbia sollevato una questione politica, che non abbia accettato di rappresentare un cosiddetto caso umano, che abbia scelto lo strumento della lotta politica, infastidisce enormemente. Perché, in Italia, la persona malata, non appena una diagnosi le fa assumere questo nuovo status, perde immediatamente, elementari diritti umani, e tale perdita è tanto maggiore, quanto poi più gravi sono le condizioni di salute della persona in questione.

La mia, la nostra battaglia radicale per la libertà di Scienza, mi ha consentito di riaffermare, in particolare, la libertà all’elettorato passivo, il poter essere cioè eletto in Parlamento, per portare istanze delle quali nessun’altra forza politica, vuole, e può essere portatrice. Io voglio assolutamente sostenere, partecipare, al grande Satyagraha nonviolento che, con Emma Bonino, noi radicali stiamo per avviare, per chiedere al Presidente della Repubblica, che voglia pubblicamente dare atto, che qualcosa non ha funzionato, non funziona, nella democrazia italiana, ai danni di tutto il popolo, cui finora si è impedito di conoscere, dibattere, sui grandi temi istituzionali, morali, civili, economici. Quando Emma inizierà il suo sciopero della sete, se vi saremo costretti per difendere legalità e democrazia per tutto il popolo italiano, autoridurrò rapidamente, quotidianamente, i farmaci della mia terapia.

Santoro, vorrei dire una cosa all’onorevole Buttiglione.
La nostra proposta di legge sulla clonazione terapeutica non lo obbligherà, qualora, non sia mai, ne avesse bisogno, ad utilizzare terapie che utilizzino cellule staminali embrionali. Ma non può imporre a me e ad altri di crepare per un principio religioso che non è universalmente condiviso. Imporre principi è nazismo. È essere nazisti!

Puoi vedere il mio intervento in trasmissione cliccando qui

Sul sito di Radio Radicale è possibile vedere il documento audio integrale

Eventuali errori presenti nel documento sono dovuti ad un adattamento del testo per il sintetizzatore vocale utilizzato da Luca

Condividi la storia di LucaShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Pin on Pinterest0Email this to someone
http://www.lucacoscioni.it/lucacoscioni/contenuti/estensioni/wp-accessibility/toolbar/css/a11y-contrast.css