Il mio augurio di Buon Capodanno 2002 ai radioascoltatori

Buona sera a tutti.
Un saluto agli ascoltatori di Radio Radicale che si apprestano ad entrare nel 2002.

È questo in genere il momento dei bilanci.
Speravate di chiudere il 2001 senza sentire la mia voce gracchiante? Ed invece no! Eccomi qui a tracciare il mio bilancio dell’anno che è passato e a rivolgere, non solo a chi ci sta ascoltando, un augurio per il nuovo anno.

Cominciamo dal bilancio.
Il 2001 è stato per noi radicali un anno politicamente ed umanamente straordinario. Ci siamo rialzati dalla sconfitta elettorale del 13 maggio con forza e determinazione. E lo abbiamo fatto a testa alta. Abbiamo seminato molto nel deserto della politica italiana. Abbiamo innaffiato semi di libertà ed alcuni germogli hanno cominciato a spuntare. Sta a noi coltivarli, partendo anche dal rilancio della raccolta delle firme sulle nostre 25 proposte di legge di iniziativa popolare.

Veniamo ora all’augurio.
Che il 2002 possa realizzare i sogni che accarezzate e per i quali lottate. Che il nuovo anno veda il sorgere del sole della religione della libertà. Che il nostro impegno politico, una goccia d’acqua nel deserto, si unisca alle altre, e contribuisca alla pioggia di libertà, con la quale innaffieremo il terreno arido di tutti gli integralismi. La libertà e la democrazia e la globalizzazione dei diritti e dell’economia possono risollevare centinaia di milioni di uomini e donne in tutto il mondo. Possono risollevare anche noi, le nostre speranze, i nostri sogni.

Buon anno a tutti.

31 dicembre 2001 – Luca Coscioni

Sul sito Radio Radicale è possibile ascoltare l’audio integrale del messaggio augurale

Eventuali errori presenti nel documento sono dovuti ad un adattamento del testo per il sintetizzatore vocale utilizzato da Luca

Condividi la storia di LucaShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Pin on Pinterest0Email this to someone
http://www.lucacoscioni.it/lucacoscioni/contenuti/estensioni/wp-accessibility/toolbar/css/a11y-contrast.css