Chi usa come arma il corano

Dalla rubrica di Panorama “Houston c’è un problema”, di Luca Coscioni

Ancora una volta immagini dolorose e rumori assordanti del sentimento più vile ed ignobile dell’essere umano, l’odio. Ancora una volta esplosioni attentatrici alla Libertà, alla Democrazia, ai Diritti umani dei popoli, tutti.

Ancora una volta atti di barbarie che hanno offeso la coscienza dell’umanità, da parte di chi legge, interpreta e usa il Corano come arma di potere e il credo religioso come arma di distruzione di massa, diffondendo paura, violenza e morte, come nel caso del terrorismo e del fondamentalismo islamico, additando all’Occidente colpe e crimini contro i mussulmani e il mondo arabo. Dinanzi a cosi tanta violenza bisogna ancora resistere.

Resistere alla furia violenta degli estremismi religiosi, per garantire libertà di coscienza e la stessa libertà ed espressione religiosa a tutti i cittadini del mondo attraverso l’affermarsi e lo sviluppo mondiale delle democrazie. Perché solo la vera democrazia è la miglior forma di governo per il riconoscimento, il godimento di libertà e di diritti individuali inviolabili , per l’esercizio di fedi e culture diverse, per l’esercizio del pluralismo religioso.

Ma la presenza di frange fondamentaliste in molti paesi islamici, mette a repentaglio profondamente l’emancipazione e lo sviluppo democratico di molti di questi paesi. Non lasciamoli proprio ora, non lasciamo cadere a terra la bandiera della libertà e della democrazia, per l’eliminazione di sofferenze e disuguaglianze intollerabili.

7 luglio 2005 – Luca Coscioni

Condividi la storia di LucaShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Pin on Pinterest0Email this to someone
http://www.lucacoscioni.it/lucacoscioni/contenuti/estensioni/wp-accessibility/toolbar/css/a11y-contrast.css