Il mio intervento a “Porta a Porta” per la maratona di solidarietà di Telethon

Non so ancora, quanto tempo ho da vivere, a causa della sclerosi laterale amiotrofica, così come alcuni milioni di nostri concittadini, colpiti da altre gravi malattie degenerative, forse curabili con le cellule staminali.

Un anno fa, la Commissione Dulbecco, diceva sì, all’unanimità, alla clonazione terapeutica, ricevendo il voto convinto, anche dell’attuale Ministro della salute Sirchia, e del Cardinale Tonini.

Dopo un anno il nostro paese non ha ancora una legge sulla clonazione. Per me, per tutti noi malati, la libertà di ricerca rappresenta l’unica speranza di salvezza. È una questione di vita o di morte. Essa, deve essere sostenuta e finanziata. Contribuite con responsabilità a questa raccolta di fondi. Un italiano su 6, soffre di malattie degenerative. Siamo noi, sono i nostri familiari, i nostri amici.

La libertà della ricerca può asciugare le lacrime, e restituire il sorriso a milioni di persone.

13 dicembre 2001 – Luca Coscioni

Eventuali errori presenti nel documento sono dovuti ad un adattamento del testo per il sintetizzatore vocale utilizzato da Luca

Condividi la storia di LucaShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Pin on Pinterest0Email this to someone
http://www.lucacoscioni.it/lucacoscioni/contenuti/estensioni/wp-accessibility/toolbar/css/a11y-contrast.css