[ditty_news_ticker id="6692"]

Il Papa in parlamento

Ho ascoltato con grande attenzione l’intervento del Papa in Parlamento.. Mi aspettavo un intervento politico.. E così è stato.. Questo vecchio papa, che poi non è proprio così malandato come lo dipingono, ha la tenacia e la perseveranza di molte altre persone malate che, come lui, combattono quotidianamente contro la malattia, la sofferenza ed il pregiudizio.. Il morbo di parkinson non è riuscito a piegare le gambe e a spegnere la voce di Giovanni Paolo Secondo. Il suo è stato un intervento politico a tutto campo.. O quasi. Il Pontefice ha infatti omesso di parlare dei più deboli fra i deboli: i malati. La cosa non sorprende. Grandi sono le responsabilità della Chiesa cattolica, per il ritardo accumulato dalla ricerca scientifica nel settore delle biotecnologie rosse. In particolare, in quello della clonazione terapeutica e degli studi sugli embrioni, soprannumerari e non.. Cosa avrebbe potuto dire alle persone oggi malate, ai cosiddetti sani, potenziali malati di domani, dopo che il vaticano aveva, per almeno gli ultimi tre anni, demonizzato i ricercatori, trattandoli come stregoni? Come avrebbe potuto parlare di vite concrete, dopo che una sistematica offensiva clericale aveva sostenuto che il più debole fra i deboli è un embrione congelato, mai nato, ma forse già, tra virgolette, morto, perché gettato nella spazzatura? Questo silenzio del Pontefice non deve quindi sorprendere.

14 novembre 2002 – Luca Coscioni

Eventuali errori presenti nel documento sono dovuti ad un adattamento del testo per il sintetizzatore vocale utilizzato da Luca

Condividi la storia di LucaShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Pin on Pinterest0Email this to someone
http://www.lucacoscioni.it/lucacoscioni/contenuti/estensioni/wp-accessibility/toolbar/css/a11y-contrast.css